Una scia chimica di sospetti

Scie di condensa rilasciate da una formazione di bombardieri B-17: scie chimiche, secondo i complottisti.

Benvenuti alla terza parte di questa guida dedicata alle tecniche per affrontare i complottisti, i seguaci dell’unica religione globale dell’umanità, la più demenziale.

In questo terzo post, usando come bersaglio un ignaro sciakimista (1), vi mostrerò cosa si può fare quando si è alle prese con un complottista appiccicoso.

Facciamo finta che… domani ci svegliamo, guardiamo i nostri messaggi di Facebook e, fra i messaggi classificati come Altri, c’è un utente mai sentito prima. La sua icona – il faccione di Gibson pitturato di blu in William Wallace, con sfondo di scii kimici, esplosioni atomiche e astronavi dei Visitors – è latrice della seguente missiva:

Finiscila di irrorare!!! Cos’è che vuoi? Guarda che posso sbugiardarti quando voglio. Sei nella lista dei normalizzatori (2), so chi sei.

Sono cose che ti toccano il cuore. Che è successo, chi è questo William Anti-tanker (così si firma)? È presto detto. Ieri, sulla bacheca di un amico, si rideva felici e contenti della panzane scritte da qualcuno. Quel qualcuno si è poi palesato sulla bacheca dell’amico per riempirci tutti di insulti, maledetti servi del Nuovo Ordine Mondiale che non siamo altri. Sepolto da risate e pernacchie ne ha approfittato per scriverci in privato, dopo aver fatto qualche ricerca su di noi. Quel qualcuno era William Anti-tanker.

È stato gentile da parte sua dedicarci il suo tempo. Dedichiamone a lui un po’ del nostro. Segue il botta e risposta via messaggio con William Anti-tanker. Fra parentesi quadre qualche commento esplicativo.

– Ah sì, mi hai trovato in una lista? [Prendiamola sul vago.]
William Anti-tanker: – Certo!!! Cerco sempre quando parlo con un debunker, bisogna conoscere il nemico per combatterlo.
– Molto lodevole tanto zelo da parte tua, caro William. Ma ti avverto che non mi dici di certo una novità. D’altra parte siamo noi che decidiamo i nominativi da inserire nella lista. [Proviamo a gettare un’esca.]
William Anti-tanker: – Cosa? stai dicendo che il nostro guru degli sciakimisti è parte del complotto? Ahahah, canaglia, non mi faccio mica fregare come un idiota da te!!!! [Scommettiamo?]
– Mi fai ridere… Ma è ovvio che l’infiltrato non è il vostro guru degli sciakimisti. Ti pare che ci saremmo rivolti a uno come lui, sempre in vista, intervistato dai media, che manifesta e che lotta? Per questi lavori serve gente defilata, di basso profilo. Uno come te, per dire. Quello che ci passa le informazioni adesso è proprio uno del tuo tipo: stesso stile di vita. [Noi del NWO abbiamo un infiltrato ovunque e sappiamo tutto sulla vita di chiunque, è notorio.]
William Anti-tanker: – Non credere di potermi mettere contro i miei amici e il guru, tanto non ti credo. Nemmeno un bambino crederebbe a gente come voi. [Aspetta, William, aspetta…]
– Tu pensi che tutti loro siano tuoi amici? E dire che qualcuno è sul nostro libro paga [Insistiamo e mettiamo in campo l’argomento più potente di tutti: il potere d’acquisto.]
William Anti-tanker: – Non mi interessa se altri si vendono. Non pensare di potermi comprare!!! Non sono in vendita!!! nemmeno se mi date 2.000 euro al mese per starmene seduto senza lavorare. [Non è in vendita ma ci dice subito il prezzo.]
– 2.000 euro? Ma tu scherzi, amico mio! Non diamo così poco nemmeno all’ultimo degli stagisti. E in ogni caso il compenso è trattabile: gli informatori sono preziosi, sono una risorsa presa al nemico, ricevono un compenso più alto di molti impiegati. [Vuole parlare di soldi? facciamolo parlare di soldi: ma deve chiedere lui.]
William Anti-tanker: – Tu quanto prendi per disinformare? [Ecco qui, ha chiesto.]
– Trovi tutto su un mio post, unito a qualche esagerazione per far credere che si scherzi. Ma sul compenso dico il vero. [Lo rimando al mio post Confessioni di un disinformatore, dove sostengo di ricevere una mesata di 6.000 euro non signoraggiati.]
William Anti-tanker: – 6.000 non signoraggiati? [Che ti credevi? Un professionista va remunerato.]
– Esatto. Non ci pago le imposte sopra: puliti puliti. [Sia mai!]
William Anti-tanker: – Adesso ho capito perché lo fate. [Sì, hai capito tutto.]
– D’altra parte la vita costa oggigiorno. In ogni caso come informatore partiresti da un compenso un po’ più basso, ma comunque sostanzioso e adeguato: 3.500 per iniziare. Pensaci con calma e poi dammi una risposta. [Insistiamo sui soldi, pare che gli piacciano.]
William Anti-tanker: – Ma fate entrare così la gente nei servizi segreti? [O_o]
– Certo, anche nella Spectre. Ma per chi mi hai preso, per James Bond? Verresti pagato per le informazioni che passi, finché le passi e finché sono utili. Mica ti facciamo il contratto con il timbro della CIA.
William Anti-tanker: – Era per capire se stavi solo cercando di mettermi in trappola o se era una proposta seria. [Beccato, ora lo possiamo affondare e togliercelo di torno.]
– Ne ero certo. È la conferma di quanto ci dicevano gli altri infiltrati. È bastato sbandierare i soldi per farti pensare di passare dalla nostra parte. Ma uno che passa così facilmente non possiamo certo accettarlo fra le nostre fila. Un traditore nato. Vergognati, mi fai schifo.

La chiudiamo qui, tanto a questo punto prenderà ad insultarci e sosterrà che era lui a mettere alla prova noi. E poi non possiamo mica passare la giornata a divertirci con questo disperato: i disinformatori hanno anche del lavoro serio da svolgere, altrimenti al 27 del mese col fischio che si vedono recapitare i 6.000 euro non signoraggiati.

Dalla piacevole conversazione possiamo trarre tre insegnamenti, universalmente riconosciuti come di primaria utilità quando si ha a che fare con un complottista del web:
il complottista vive immerso nel sospetto: basta gettare l’esca e sospetterà che il rubinetto di casa sia al servizio dei Bilderberg;
il complottista non brilla per intelligenza (e si sa);
i soldi piacciono anche al complottista.
Certo, direte voi, 6.000 euro (per di più non signoraggiati) farebbero gola a tutti. D’altra parte la vita costa oggigiorno.

***

(1) Liberamente tratto da una storia vera.
(2) Ricordo a tutti che sono un disinformatore in regola con l’iscrizione alla lista dei normalizzatori, costantemente aggiornata per opera del benemerito Comitato Tanker Enemy. Ricordo anche agli aspiranti normalizzatori che compiere attività di disinformazione in assenza della regolare iscrizione alla lista è da considerarsi attività antisindacale.

Nel prossimo post: lo stile argomentativo del complottista, Variazioni sul fascio 2.0.

Annunci

14 pensieri su “Una scia chimica di sospetti

  1. ahahah
    Io adoro i complottisti. Quando ne trovo uno mi diverto a chiaccherarci. Riesci a ridere e non devi pagare il biglietto.
    Pensa che se non esistessero dovrebbero inventarli.
    Azz…
    E se veramente i complottisti non esistono e sono tutta una invenzione dei padroni del mondo per far credere a chi non vuol credere che esistono i complotti che non esistono per sviare l'attenzione mentre in realtà covano ed esistono dei complotti esistenziali che vanno alla radice dell'esistenza. Ci buttano fuffa con le scie chimiche perché il vero complotto è la democrazia della vita stessa.
    Mi preparo un rifugio a 100 metri sottoterra. Non si sa mai….

    Mi piace

  2. Caro mio, ti sei fregato. Quello con cui hai avuto contatti ti ha costretto a parlere di denaro, per capire di che pasta sei fatto. Non mangi pasta Cellino, vero? Qui casca l'asino. Ora verrai repentinamente cancellato dalla lista di Shindler o quella che è, passando da disinformatore ad antisindacale. Sarai declassato a tempesta tropicale e mandato a fare ripetizioni di tornado in Colorado. I tuoi 6.000 euro te li puoi scordare, verrano signoraggiati e prenderai solo 2.000 euro, di cui la metà la dovrai girare al Movimento 5 Stelle. Guadagnerai il pane con il sudore della fonte e la tua donna partorirà con dolore. No, forse questo era per un altro. Ora non ricordo. In ogni caso suderai e non avrai i soldi per un condizionatore. I tuoi mille euro li userai per l'affitto di casa e per pagare la nuova iscrizione nella lista della spesa, che pubblicherai a pagamento con Albatros. E andrai da Vannoni a chiedere una cura per i calli e ti venderà per 60.000 euro una cura contro la calvizie. riavrai i capelli ma non potrai uscire di casa per il dolore. In definitiva, suderai e avrai dolore.
    Ci sei cascato in pieno.

    Firmato: Ordine Nuovissimo Universale, ovvero ONU. Sorpreso? Caro mio, ti controlliamo e controlliamo tutto. La vita è un campo di zucchine. Basta scivolare una volta per prenderne una nel…

    Mi piace

  3. Pingback: Faccia a faccia col complottista (2) Il fascista 2.0 | frottole

  4. Pingback: Faccia a faccia col complottista (5) Supereroi contro le scie chimiche | frottole

lasciate la vostra opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...