L’organigramma del Nuovo Ordine Mondiale

L'organigramma del NWO...

Settimo appuntamento con il manuale di lotta alle fregnacce complottiste. In questo post osserveremo qualcosa circa i congiurati: quanti sono a complottare secondo i complottisti?

Si narra che Iosif Stalin, un giorno, per diletto, discutesse di politica estera con i suoi collaboratori più stretti. Lo pungeva vaghezza di aver contesa con il papa, campione dei reazionari. Echeggiarono sonore le risate dei collaboratori, che vollero cogliere una burla.

Ma il Padre dei popoli non scherzava. Al che uno dei collaboratori gli disse: “Ma, Soso*, perché sfidare il papa? il papa è potente”. Magnanimo a lui sorrise il Padre dei popoli e chiese: “Perché, quante divisioni ha?”

Era forte Babbo. Questo era per dire che avere un grosso esercito può essere un vantaggio. Se per invadere la Gallia a Cesare servì un’armata di 50.000 legionari; se la Grande Armeé con cui Napoleone invase le Russie contava 685.000 uomini tra soldati e truppa; se e altri se: quanti effettivi servono per conquistare il mondo?

È una domanda che andrebbe rivolta ai Marziani della Guerra dei Mondi. Tenente conto che non scenderemo dal cielo con i dischi volanti, né abbiamo a disposizione i 70.000 carri armati del Patto di Varsavia, sovrabbondanti per il tabellone del Risiko. Anche perché dobbiamo prendere il controllo del mondo in maniera tale che nessuno se ne accorga. Il nostro è un complotto, una congiura, un’attività che si svolge in totale segretezza. Per farla breve: quanti sono i partecipanti del complotto per la costituzione del New World Order?

* Soso è il diminutivo georgiano di Iosif.

Un conteggio rapido rapido

In apertura del post potete ammirare uno schema disegnato dai complottisti. Apritelo pure in un’altra scheda e tenetelo a portata di mano. È l’organigramma degli irroratori di scie chimiche, ma va bene anche per gli altri complotti, cambiando quel che c’è da cambiare. Non ridete: è il prodotto delle fatiche di chissà quanti cercatori della verità.

Io sono lì, fra i disinformatori. Foto e freccia inserite da me grazie ai potenti mezzi che il NWO mi affida: Paint. Siamo un discreto gruppo noi disinformatori che sul web tarocchiamo, diffamiamo e trolliamo in letizia. Quanti? tanti, la rete è bella grossa. E siamo in buona compagnia. Per la formazione dipendiamo dal CICAP e siamo quindi legati a doppio filo a università, governo e matusa. Dall’altra ci appoggiano i provider (tutti) e le compagnie telefoniche.

Poi c’è quel vecchio briccone di Noè, che ormai non combina nulla ma non abbiamo cuore di mandarlo in pensione. D’altra parte è in buoni rapporti con Quello dei piani alti, meglio tenerlo fra noi. Quale sia il legame fra Noè, il governo e i carabinieri è cosa che ancora non è chiarissima nemmeno a noi. Ma è evidente che il vegliardo ha amicizie anche ai piani intermedi.

Dall’altra mano noi disinformatori ci appoggiamo al Ministero della Giustizia, all’INPS, all’INPDAP e ad altri immondezzai di carta maledetti dai pensionati. Ci sono poi dentro, in ordine sparso, la stampa, i programmatori di computer, la NASA in combutta con gli alieni, Santa Romana Chiesa a darci la benedizione dell’altare e una percentuale sull’otto per mille se no le bruciamo San Pietro. Alla sovrintendenza generale della baracca stanno lo SMOM, il VIM e il VETRIL.

Una grande famiglia

Niente male, per dire che siamo un gruppo segreto che deve conquistare il mondo agendo nell’ombra. Benjamin Franklin disse che tre persone possono tenere un segreto, se due di loro sono morte. Naturalmente mentiva: era un disinformatore anche lui.

Noi dell’ambiente ci conosciamo un po’ tutti, siamo una grande famiglia. In Italia, come si capisce dall’organigramma, siamo una famiglia di dieci milioni di componenti, e non sto conteggiando domestiche e babysitter. Una famiglia e un esercito: siamo il nemico interno, siamo la quinta colonna, siamo le divisioni di Babbo.

***

Nel prossimo post: l’istruzione del complottista.

Annunci

17 pensieri su “L’organigramma del Nuovo Ordine Mondiale

  1. Mi sono sempre chiesto una cosa: considerando gli schemi dei disinformatori, le identificazioni ecc. Quanti tra i 7 miliardi di abitanti di questo pianeta non sono coinvolti in un complotto?

    Mi piace

  2. Aspetta un attimo… vediamo con ordine (nuovo e mondiale). Il mondo si divide tra chi sa e tace e chi sa e parla. In proporzione di 5 a 1. Ma questo significa che tutti sanno. E questo risolve un bel po' di problemi: ecco perché nessuno ne parla. Perché tutti già sanno!

    Mi piace

  3. La vita è come un cremino: dentro la panna, che sa di esserci e non lo dice, fuori il cioccolato, che sa della panna e lo dice a tutti. Poi arrivi tu, un rettiliano qualsiasi, dai un morso e ti mangi tutti, panna e cioccolato.

    Mi piace

  4. Pingback: Faccia a faccia col complottista (6) Gli adoratori di Shapona | frottole

lasciate la vostra opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...